Twitter, Elon Musk rinuncia all’acquisto.

Elon Musk straccia l’accordo da 44 miliardi di dollari per “dati insufficienti su account fake”. Twitter minaccia battaglia legale.

Era nell’aria da qualche settimana, ma ora è ufficiale: Elon Musk rinuncia all’acquisto del social network Twitter. Il CEO di Tesla e SpaceX ha annunciato le sue intenzioni di porre fine all’accordo da 44 miliardi di dollari in una lettera al chief legal officer di Twitter. L’avvocato Mike Ringler ha accusato il social network di “non aver rispettato gli obblighi contrattuali”. In particolare, Twitter sarebbe colpevole di non aver fornito dati sufficienti riguardo al numero di account falsi presenti sulla piattaforma.

Nelle scorse settimane, Elon Musk aveva più volte espresso dubbi sulle cifre fornite da Twitter. Le sue parole erano state lette da molti analisti come un modo per far crollare il valore delle azioni della piattaforma che, al momento del ritiro dell’offerta, avevano perso il 6%. Musk e i suoi avvocati hanno già notificato la Sec, società che controlla la borsa Statunitense, della volontà di rinunciare all’acquisto del social network.

Non si è fatta attendere la risposta di Twitter, che ha dichiarato di voler portare la vicenda in tribunale. Tramite, come consuetudine, un tweet, il board della società ha reso noto che “si impegnerà a chiudere la transazione al prezzo e ai termini concordati con Musk e che sarà pronto a un’azione legale per far rispettare l’accordo” che prevedeva, fra le altre cose, una penale da 1 miliardo di dollari nell’eventualità di una risoluzione.

Fonte: Adnkronos

Antonio Spina

Studente di Ingegneria Meccanica, amante dei motori e aspirante giornalista. Insomma, cose che vanno benissimo insieme.

Articoli consigliati